22
gen

Top News

E

dison rafforza il proprio impegno nella sostenibilità ambientale con la prima stazione a biometano a servizio della Gdo di Lidl Italia. Edison conta di realizzare altre 4 stazioni nel solo 2020. Sono in corso diversi contatti con altre imprese della Gdo e della manifattura interessate ad alimentare a biometano i propri veicoli aziendali.

Aspettando i prossimi passi, i primi saranno in Puglia, Edison ha presentato questo primo impianto presso il centro logistico di Lidl a Somaglia (Lodi). Un impegno green, quello di Foro Bonaparte, che parte dall’elettrico si dispiega al Gnl, passando dal biometano, e ha come obiettivo, nel 2021, il biognl.
“L’impiego di fonti rinnovabili e la decarbonizzazione dei trasporti sono tra gli obiettivi cardine di Edison, in linea con i target europei di sostenibilità. Siamo orgogliosi di annunciare un ulteriore passo in avanti nel modello della grande distribuzione, grazie all’impegno responsabile e congiunto di tutti gli operatori della catena”, ha commentato Davide Macor, direttore Mercato Business di Edison spiegando che “Edison attualmente fornisce metano a più di 200 stazioni di rifornimento in tutta Italia e, in quanto aggiudicatario del bando Gse per il biometano, è oggi il primo operatore abilitato al suo ritiro e distribuzione. Edison, inoltre, è impegnata nella realizzazione della prima catena logistica integrata di Lng per un ulteriore sviluppo della mobilità sostenibile nel trasporto pesante e marittimo”.

Una serie di obiettivi che saranno raggiunti a pieno quando, nel 2021, sarà pronto il primo deposito small scale costiero di Ravenna che sfrutterà l’import di Gnl dal Qatar, circa 6,5 miliardi di metri cubi l’anno. Avrà una capacità di stoccaggio di 20 mila metri cubi e sarà un unicum visto che in Europa esistono solo 14 depositi, di cui 7 in Spagna.

Nel dettaglio, l’intesa pilota riguarda cinque nuovi mezzi alimentati a biometano della flotta Lidl – i nuovi camion Iveco Stralis NP 460CV CNG – realizzati grazie alla collaborazione con Iveco ed LC3 Trasporti. Si tratta di una novità assoluta per l’Italia sulle cui strade correranno, per la prima volta, mezzi alimentati a biometano, combustibile – si sottolinea – rinnovabile e sostenibile sia per quanto riguarda i livelli di CO2 emessi dal tubo di scappamento, sia per le emissioni del ciclo di vita, sensibilmente inferiori rispetto agli altri tipi di combustibile.

Fonte: Edison 

Notizie gennaio 2020

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

0 Nessun commento

Comments are closed.