19
giu

Top News

S

econdo un rapporto lanciato da NGVA Europe ed EBA al 2030 117 TWh di gas rinnovabile verranno impiegati come combustibile nel settore trasporti UE”.
Attualmente sul totale dei mezzi alimentati a gas il biometano copre quota vicina al 17% e tra 10 anni questa quota potrebbe arrivare al 40%. Inoltre, “un maggiore utilizzo di bio-Gnl e bio-Cng nel settore comporterà una riduzione complessiva delle emissioni di gas-serra del 55%”, si legge nel rapporto.

Per l’espansione del settore sarà di fondamentale importanza rafforzare la infrastrutture di distribuzione per Gnl e Cng, pienamente compatibili con bio-Gnl e bio-Cng.
Iil numero delle stazioni di rifornimento è “in rapida crescita, ma è necessario uno sviluppo ancora più rapido della rete per soddisfare le stime attuali per il 2030, che porterebbero rispettivamente a 10.000 e 2.000 stazioni”.

L’impiego di biometano e bio Gnl è già una realtà”, ha commentato Susanna Pflüger, segretaria generale di Eba. “Questi carburanti hanno bassissime emissioni che portano a un elevato potenziale di decarbonizzazione e la loro produzione stimola lo sviluppo di città sostenibili e vivibili”, ha aggiunto.
Per Andrea Gerini, segretario generale di Ngva Europe, “i dati evidenziano che, grazie all’impiego del gas nei trasporti, possiamo già raggiungere l’obiettivo del Green deal in modo molto affidabile ed economico. Infrastrutture, tecnologia dei veicoli e produzione di gas rinnovabile sono pronte per essere utilizzate, determinando una crescita economica sostenibile a vantaggio dei cittadini europei”, ha concluso Gerini.

Leggi il rapporto completo →
                                                                                                                           
Fonte: NGVA Europe 

Notizie giugno 2020

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

Comments are closed.