full
image
#666666
https://www.wec-italia.org/wp-content/themes/zap-installable/
https://www.wec-italia.org/
#4a90c2
style2
(0039) 3924822149
Via Ostiense 92, 00154 Roma

Posts Tagged ‘Gas

19
lug

Da pochi giorni la Commissione europea ha adottato un pacchetto di proposte per rendere le politiche dell’UE in materia di clima, energia, uso del suolo, trasporti e fiscalità, idonee a ridurre le emissioni nette di gas serra di almeno il 55% entro il 2030 , rispetto ai livelli del 1990.

05
lug

Recentemente è stato pubblicato il nuovo Gas Market Report dell’Aie, secondo cui tra il 2022-2024 la richiesta globale di gas continuerà a crescere dell’1,7% all’anno, fino ad arrivare a sfiorare i 4.300 miliardi di mc, il 7% in più rispetto ai livelli pre-Covid e un volume superiore a quello considerato in linea con gli obiettivi climatici dal rapporto Net Zero dell’Agenzia.

13
mag

Questa settimana l’International Energy Agency ha pubblicato una preview del nuovo report in uscita il prossimo 18 maggio “Net Zero by 2050: a Roadmap for the Global Energy Sector”, in cui sono esposte riflessioni e prospettive sulle emissioni nette zero entro il 2050, ormai obiettivo comune da parte delle istituzioni e delle aziende a livello globale.

03
mag

Ngva Europe ha recentemente pubblicato il suo nuovo rapporto annuale sulla rete di rifornimento di gas in Europa. Secondo lo studio, la rete di rifornimento europea di gas per autotrazione ha raggiunto il traguardo di 4.000 stazioni di metano e 400 di Gnl nel 2020, e sono state anche aperte circa 300 nuove stazioni Cng (+8,1% sul 2019).

10
set

Lo studio H2 Italy 2050: una filiera nazionale dell’idrogeno per la crescita e la decarbonizzazione dell’Italia” realizzato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Snam presenta un piano basato su sei azioni per consentire all’Italia di valorizzare le grandi opportunità offerte dall’idrogeno e nello specifico: elaborare una visione e una strategia di lungo termine; creare un ecosistema dell’innovazione e accelerare lo sviluppo di una filiera industriale dedicata attraverso la riconversione dell’industria esistente e l’attrazione di nuovi investimenti; supportare la produzione di idrogeno decarbonizzato su scala nazionale; promuovere un’ampia diffusione dell’idrogeno nei consumi finali; incentivare lo sviluppo di competenze specialistiche sia per le nuove figure professionali sia per accompagnare la transizione di quelle esistenti; sensibilizzare l’opinione pubblica e il mondo dell’impresa sui benefici derivanti dall’impiego di questo vettore.

10
ago

Secondo il Global Gas Report 2020, lanciato da Igu, Bnef e Snam, la domanda mondiale di gas nel 2020 diminuirà del 4% rispetto al 2019 a causa della crisi Covid-19, segnando il maggior declino mai registrato. Ma già dal 2021 si assisterà a una rapida ripresa. I dati confermano il trend di crescita del gas sospinto dalla competitività di costo che della sostituzione di fonti più inquinanti come carbone e petrolio a seguito delle politiche climatiche e di qualità dell’aria introdotte in molti Paesi.

04
mag

Gaz-System ha assegnato a Saipem una commessa per la realizzazione di un gasdotto tra Danimarca e Polonia. Nello specifico il contratto, da 280 milioni di dollari, riguarda la realizzazione di una pipeline, a profondità comprese tra 4 e 57 metri, che sarà installata dalle navi Saipem per la posa S-lay, in cui l’infrastruttura viene collocata direttamente dalla nave grazie a una rampa di varo che consente di farla scorrere verso il fondale.

16
dic

“Preservare il mercato del gas Ue per sfruttare i gas rinnovabili, decarbonizzati e a basse emissioni di CO2” e “stabilire i principi per il trasporto nel sistema di nuovi gas come idrogeno e biometano”. Sono le principali raccomandazioni della “Roadmap al 2050 per le reti del gas”, presentata a Bruxelles da EntsoG in occasione della conferenza annuale che ha celebrato il decimo anniversario dell’associazione.

20
ott

L’autorità egiziana di regolazione del gas, Gasreg, collaborerà con l’Arera in vista della liberalizzazione del mercato del Paese arabo. E’ quanto deciso dai presidenti dei due regolatori, Karem Mahmoud e Stefano Besseghini, in un incontro a Milano, frutto della comune adesione di Gasreg e Arera a Medreg, l’associazione delle authority per l’energia dei Paesi del Mediterraneo di cui l’autorità italiana è fondatore e vice-presidente permanente.

07
giu

La geopolitica fornisce una visione chiara delle opportunità e dei vincoli che potrebbero fare dell’Italia uno dei principali hub europei di gas naturale. Le opportunità risiedono in tipicità geografiche piuttosto tangibili, ovvero la posizione privilegiata della Penisola sia in quanto crocevia dell’Europa occidentale e orientale, sia come molo naturale al centro del Mediterraneo, sede di importanti giacimenti di gas ancora poco sfruttati. I vincoli, d’altra parte, si palesano guardando i dati sulla dipendenza energetica del Paese dai mercati esteri: secondi i dati Eurostat 2018, infatti, la domanda nazionale di energia dipende dalle importazioni per più dei due terzi.

04
apr

Tra il 2019 e il 2023 è in programma o è stata annunciata l’entrata in funzione in Italia di 14 impianti di stoccaggio gas sotterranei, per un totale 249 miliardi di piedi cubi. Lo riporta il centro studi GlobaiData nel rapporto “Underground gas storage industry outlook in Europe to 2023”, secondo cui tale volume rappresenta il 35% dei nuovi stoccaggi che saranno realizzati in Europa nei prossimi cinque anni.

18
mar

Secondo un recente studio commissionato dal consorzio ‘Gas for climate’ a Navigant, combinare l’elettricità con gas rinnovabili come l’idrogeno da eolico e solare e il biometano, permetteranno all’Europa di dotarsi di un sistema energetico carbon free al 2050 comportando allo stesso tempo un risparmiando di 217 miliardi di € ogni anno.

12
mar

Secondo un recente studio di Accenture intitolato “Flessibilità, un’opportunità per la transizione energetica”, nel 2030 il sistema elettrico italiano dovrà affrontare la sfida posta da elettrificazione e rinnovabili. Per tale motivo, nei prossimi anni sarà necessario intraprendere un processo di trasformazione, che comporterà l’evoluzione delle infrastrutture esistenti in considerazione di due fattori principali: l’aumento dei consumi (dovuto soprattutto alla diffusione della mobilità elettrica e delle pompe di calore) e il maggiore impiego delle fonti rinnovabili non programmabili. Inoltre, anche il calo della capacità termica in esercizio, ad esempio per il “phase-out” del carbone, avrà un impatto sull’intero sistema. In particolare, il periodo più critico potrebbe essere quello invernale, sia a causa della ridotta produzione di energia fotovoltaica, sia per il maggior utilizzo dei dispositivi di riscaldamento; le ore 18:00 dei giorni feriali rappresentano l’orario di maggiore stress della rete, in corrispondenza di un maggior numero di veicoli elettrici messi in carica.

seta
default
Caricando gli articoli...
link_magnifier
#5c5c5c
on
loading
off