15
apr

Top News

N

el 2018 in Italia gli attacchi informatici sono cresciuti con nuove minacce alle imprese. La risposta di grandi e piccole aziende non si è fatta attendere con un aumento degli investimenti per contrastare questi rischi pari a 1,19 miliardi di euro, con un aumento del 9% rispetto al 2017. È quanto emerge dal recente Osservatorio Information Security 2019 della School of Management del Politecnico di Milano.

A trainare sono soprattutto le grandi imprese, con il 75% della spesa complessiva, investiti in maggioranza per l’adeguamento al Gdpr, la direttiva sulla privacy. Ma il budget ha interessato anche componenti tradizionali della security come la protezione reti e la messa in sicurezza dei dispositivi mobili. Per venire incontro all’evoluzione negli utilizzi di notebook, tablet e smartphone.

Nello studio si fa un’analisi delle principali vulnerabilità dei cyber attacchi. Al primo posto (83%) troviamo quelle legate al phishing, una tipologia di truffe nate negli anni 90 e sempre attive. A seguire troviamo l’invio di email compromesse che al loro interno contengono virus, primi tra tutti quelli legati ad attacchi ransomware. Sono programmi che si insediano in computer e dispositivi mobili e, sfruttando un falso link, installano nella memoria un sistema per crittografare documenti e foto.

Secondo Alessandro Piva direttore dell’Osservatorio: “nei prossimi tre anni prevediamo un aumento dello spionaggio via web di prodotti industriali e informazioni sensibili”. I ricercatori del Poli-Mi prevedono che gli hacker si concentreranno su attacchi a dispositivi mobili (57%), ma anche sensori dell’Iot e verso il mercato emergente dei veicoli connessi di auto e droni (48%).

I costi della violazione per le aziende comprendono non solo quelli per la pulizia e il ripristino ma anche a quelli dovuti ai tempi di inattività, mancate vendite e impatto negativo sul brand.

Il costo medio per azienda è stato stimato in 7 milioni di euro annui. Su Internet può bastare una singola vulnerabilità dentro o fuori le mura aziendali per innescare un cyberattacco. Ogni singolo ransomware ha un costo per le aziende di 77.800 euro.

Fonte: Politecnico di Milano  

Notizie aprile 2019

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

Comments are closed.