06
giu

Top News

S

econdo un recente report pubblicato dall’International Renewable Energy Agency intitolato Renewable Power Generation Costs in 2019, i nuovi impianti eolici e solari sono più competitivi delle centrali a carbone nella maggior parte dei casi.
In particolare oltre metà della nuova potenza installata nelle rinnovabili nel 2019 (il 56%), produce energia elettrica a costi inferiori delle centrali fossili.

Il costo, media LCOE (Levelized Cost of Electricity) a livello globale, del fotovoltaico utility-scale (impianti di grandi dimensioni) è sceso a 0,068 dollari per kWh nel 2019, segnando un -13% in confronto ai dodici mesi precedenti.

Mentre i valori dell’eolico onshore e offshore sono scesi, rispettivamente, a 0,053-0,115 $/kWh con riduzioni del 9% circa rispetto al 2018.
Per contro, la fascia di costo per le fonti fossili è stimata tra 0,05-0,177 $/kWh dove il livello inferiore, secondo gli esperti dell’Agenzia, è rappresentato dalle nuove unità a carbone in Cina.

“Abbiamo raggiunto un punto di svolta nella transizione energetica”, ha commentato il direttore generale dell’IRENA, Francesco La Camera “l’energia rinnovabile è la fonte più economica per produrre nuova elettricità in un numero sempre più alto di casi, offrendo un enorme potenziale per stimolare l’economia globale”.

Leggi il rapporto dell’IRENA →
                                                                                                                           
Fonte: IRENA 

Notizie giugno 2020

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

Comments are closed.