04
mar

Top News

S

econdo gli ultimi dati rilasciati dall’Unione Petrolifera, nello scorso anno in Italia il settore della raffinazione ha processato 71,7 milioni di tonnellate di greggio, un valore inferiore dell’1,7% rispetto all’anno precedente, producendo complessivamente 65,9 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi. Ad inizio 2020, UP registra tuttavia un recupero della produzione rispetto ai primi mesi del 2019.

Il tasso di utilizzo degli impianti nell’anno appena trascorso è stato pari all’82,2%. Per quanto riguarda gli approvvigionamenti, le importazioni sono aumentate dell’1,8%, con l’Iraq che si conferma il Paese primo fornitore con un peso del 20% sull’import totale, seguito da Azerbaijan, Russia e Libia. In totale i Paesi dai quali l’Italia ha importato greggio sono risultati 24 mentre le 73 sono state le diverse tipologie di greggio.

Si è ridotta anche la spesa per gli approvvigionamenti (-3,6%), grazie alla riduzione del costo medio del greggio. Si sono registrate riduzioni anche per le importazioni di prodotti finiti e semilavorati, rispettivamente del 5,4% e del 23,9%

Fonte: Unione Petrolifera 

Notizie marzo 2020

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

Comments are closed.