25
feb

Top News

Q

uesta settimana, al termine di un dibattito iniziato lo scorso maggio, la Commissione Europea ha esposto la nuova strategia sul cambiamento climatico. Il nuovo modus operandi è in linea con i provvedimenti già adottati nel 2013, ma tiene conto sia dei nuovi sviluppi internazionali, come ad esempio l’Accordo di Parigi, che delle evoluzioni riscontrate nell’ambito del cambiamento climatico stesso.

In merito, l’UE mira in primo luogo a implementare la Climate-Adapt, piattaforma nata nel marzo del 2012 al fine di condividere le nozioni sugli impatti del cambiamento climatico e assicurare la realizzazione di provvedimenti finalizzati a contrastarlo. A riguardo, il vice-presidente esecutivo della Commissione responsabile per il Green deal, Frans Timmermans, ha sottolineato che le perdite economiche dovute agli eventi meteorologici estremi, ammontano ormai nell’UE a una media di 12 miliardi di euro all’anno.
Sono tre i pilastri sui quali si basa la nuova strategia: integrare l’adattamento nella politica macrofinanziaria, valutare soluzioni per l’adattamento basate sull’ambiente e attuare misure di adattamento locale.

Inoltre, sebbene gli obblighi degli Stati membri di comunicazione in materia, siano per il momento stabiliti dalla precedente strategia del 2013, saranno rafforzati una volta entrata in vigore la Legge sul Clima Ue.
L’UE sottolinea inoltre quanto sia fondamentale individuare nuove e innovative risorse finanziarie per la resilienza climatica, in particolare per i PMS e i SIDS.

La nuova strategia di adattamento dell’UE apre la strada ad una maggiore ambizione in materia di resilienza climatica: l’obiettivo è infatti di quello di arrivare nel 2050 ad essere in grado di rispondere ai cambiamenti climatici, aumentando nel contempo le sinergie con altri settori come la biodiversità, accelerando l’azione di adattamento e contribuendo a rafforzare la resilienza climatica a livello globale. Non a caso l’UE e i suoi Stati membri hanno aumentato il loro sostegno finanziario globale ai paesi terzi per il clima del 7,4% nel 2019, raggiungendo i 21,9 miliardi di euro, il 52% per cento dei quali è stato speso per aiutare i partner dell’UE ad adattarsi al cambiamento.

Leggi la comunicazione della Commissione Europea →
                                                                                                                           
Fonte: Commissione Europea 

Notizie febbraio 2021

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

Comments are closed.