06
apr

Top News

I

n linea con quanto previsto dal Green New Deal, la Commissione Europea ha avviato il procedimento di revisione della Direttiva comunitaria sulle infrastrutture per i combustibili alternativi (Dafi 2014/94). L’obiettivo della consultazione lanciata è quello di arrivare ad una proposta di aggiornamento della Direttiva del 2014 nei primi tre mesi del 2021.

Sono passati circa cinque anni dalla presentazione della DAFI ed “il mercato delle infrastrutture per i carburanti alternativi è ancora in una fase di sviluppo iniziale e nonostante tassi di crescita elevati la quota complessiva dei veicoli ad alimentazione alternativa è ancora relativamente bassa”, precisa la Commissione in una nota.

Tra le ultime iniziative implementate nel settore, dai nuovi limiti alle emissioni dei veicoli agli obiettivi minimi per gli acquisti di mezzi “puliti” da parte della PA, e gli obiettivi del Green New Deal (tra cui 1 milione di punti di ricarica e rifornimento pubblici al 2025).

Si avverte da più parti tuttavia la necessità di implementare una rete di infrastrutture per carburanti alternativi densa, diffusa, affidabile e di facile utilizzo come importante fattore abilitante per la transizione verso un’economia carbon neutral”, sottolinea Bruxelles.

Nello specifico , l’obiettivo della Commissione è quello di incrementare il numero di punti di ricarica e rifornimento in tutti gli Stati membri, assicurare la piena interoperabilità delle infrastrutture, fornire informazioni adeguate ai consumatori e diffondere le soluzioni “intelligenti”, il tutto “mantenendo la neutralità tecnologica”.

Scarica il documento della Commissione →
                                                                                                                           
Fonte: Commissione Europea 

Notizie aprile 2020

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

Comments are closed.