08
apr

Top News

S

nam e Rina hanno siglato un accordo per sviluppare le potenzialità della filiera dell’idrogeno come vettore energetico nel contesto della transizione energetica.

Nello specifico è stato costituito un team di lavoro SNAM-RINA che si concentrerà sulla compatibilità dell’idrogeno con bruciatori industriali e altre soluzioni tecnologiche, con un focus specifico sulla ricerca nel campo della produzione, distribuzione e stoccaggio.

“L’introduzione dell’idrogeno nelle reti energetiche può rappresentare il primo passo per la diffusione e lo sviluppo di idrogeno verde da fonti rinnovabili. Nel 2019, Snam ha avviato test di immissione di idrogeno nella propria rete con percentuali in volume fino al 10%”, si legge in una nota delle due società.

Rina, in partnership con l’università della Calabria gestisce “il primo laboratorio in Italia capace di eseguire test ad altissima pressione (fino a 1.000 bar) per lo stoccaggio di gas tra cui l’idrogeno”.

“L’utilizzo di idrogeno verde nelle infrastrutture esistenti avrà un ruolo decisivo per abilitare la transizione energetica e raggiungere gli obiettivi climatici, creando al tempo stesso occasioni di sviluppo economico, ora più che mai fondamentali”, ha commentato l’a.d. di Snam, Marco Alverà.

Rina metterà a disposizione le proprie competenze di ricerca e di certificazione dei materiali compatibili con l’idrogeno e tutto il know-how nell’ambito delle analisi, degli studi e dei test per lo stoccaggio.

Leggi la nota congiunta →
                                                                                                                           
Fonte: SNAM 

Notizie aprile 2020

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

Comments are closed.