21
apr

Top News

S

econdo recenti stime dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ISPRA, nei primi tre mesi del 2020, il lockdown imposto dall’emergenza coronavirus ha determinato una riduzione delle emissioni di gas climalteranti in Italia del 5-7% rispetto allo stesso periodo del 2019.

L’Istituto prevede che nel periodo di restrizioni imposte dal governo si assisterà ad una significativa contrazione delle emissioni a livello Paese.

La riduzione delle emissioni durante l’emergenza Covid-19 “si deve principalmente al settore dei trasporti, a causa della riduzione del traffico privato in ambito urbano, e in misura minore al settore del riscaldamento, per la chiusura parziale o totale degli edifici pubblici e delle attività commerciali e i minori consumi energetici dovuti al blocco delle attività produttive”, ha spiegato la ricercatrice Ispra Daniela Romano.

La riduzione, ha sottolineato Romano, “non contribuisce alla soluzione del problema dei cambiamenti climatici, che ha invece necessità di modifiche strutturali, tecnologiche e comportamentali”.

L’Istituto ha reso disponibili anche stime preliminari circa le emissioni di GHG nel 2019, in calo del 2% rispetto al 2018 (Pil +0,3%) grazie a migliori performance dei settori elettrico (-4%), industria (-3,7%), trasporti (-0,6%) e riscaldamento (-1,8%).

Scarica il rapporto per l’Italia →
                                                                                                                           
Fonte: ISPRA 

Notizie aprile 2020

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

Comments are closed.