14
giu

Top News

“F

inancing clean energy transitions in emerging and developingeconomies” è il nuovo report pubblicato questo mese dall’International Energy Agency, sviluppato in collaborazione con la Banca mondiale e il World Economic Forum.
Lo studio, che coinvolge un vasto numero di paesi, mira ad affrontare la sfida di mobilitare investimenti e finanziamenti per sostenere le transizioni verso l’energia pulita nei paesi emergenti e in via di sviluppo, e si basa su un’analisi dettagliata di progetti e iniziative di successo già avviate (studio effettuato su 50 casi reali).
Secondo quanto emerge dallo studio, gli investimenti annuali in energia pulita nelle economie emergenti e in via di sviluppo, devono aumentare di oltre sette volte, da meno di 150 miliardi di dollari l’anno scorso a oltre 1 trilione di dollari entro il 2030,per raggiungere l’azzeramento delle emissioni nette entro il 2050. A meno che non venga intrapresa un’azione molto più forte, infatti, le emissioni di anidride carbonica legate all’energia delle economie di questa categoria di paesi– che coinvolgono principalmente in Asia, Africa e America Latina – sono destinate a crescere di 5 miliardi di tonnellate nei prossimi due decenni.
Il rapporto sottolinea inoltre che gli investimenti e le attività in energia pulita possono portare sostanziali opportunità economiche e posti di lavoro nelle industrie, che dovrebbero prosperare nei prossimi decenni man mano che le transizioni energetiche accelereranno in tutto il mondo.

Leggi il nuovo report dell’International Energy Agency (IEA)→
                                                                                                                           
Fonte: IEA 

Notizie giugno 2021

Pubblicazione a cura di: WEC Italia

TEMI TRATTATI:

    • Ambiente
    • Carbone
    • Economia & Business
    • Elettricità
    • Nucleare
    • Oil & Gas
    • Rinnovabili

Comments are closed.